Come risparmiare sulla carta dei bagni e altri materiali monouso – Prima parte

by giovedì, gennaio 30, 2014

Carta dei bagni monousoIl materiale monouso, come ad esempio la carta dei bagni, costituisce una delle voci principali in fatto di igiene, un po’ perché è comodo, un po’ perché anche la legislazione, per questioni di igiene, ne incoraggia l’uso in alcuni settori del tuo ristorante, come ad esempio in cucina, dove la pulizia delle superfici deve essere ultimata con un passaggio di pura di ovatta di cellulosa vergine.

 

Ma andiamo con ordine, per cominciare è necessario fare una distinzione tra monouso per il bagno (carta igienica, asciugamani di carta, rotoli di carta, veline wc e sacchetti igienici) e monouso per pulire (bobina di carta).

 

Generalmente queste due categorie costituiscono una delle voci di spesa più consistenti in materia di igiene, per l’alta quantità di consumi. Tutti i giorni i clienti mi chiedono delle soluzioni per risparmiare sui costi, per diminuire i consumi e gli sprechi, troppo spesso lo fanno dopo che, per un periodo più o meno lungo, hanno comprato materiale scadente pensando di risparmiare, con la convinzione che un prodotto riciclato e di basso costo possa essere la soluzione al problema dello spreco e dei costi.

 

Non è così che si trova la soluzione. Anzi, oltre ad avere un maggior consumo – e quindi un maggior costo diretto ed indiretto (pensa anche solo ai sacchi di immondizie in più per esempio) – così facendo comprometterai anche l’immagine del tuo locale!

 

Questo perché i clienti oggi sono molto più evoluti rispetto ad un tempo e fanno caso a tutto. Si accorgono delle differenze e giudicano anche il materiale che trovano nei bagni. Per cui, se come ristoratore vuoi distinguerti e non fare la figura del locale in crisi, non puoi permetterti di offrire ai tuoi clienti materiale scadente, nemmeno nei bagni! Come fare allora per non intaccare la propria immagine e allo stesso tempo contenere i costi e i consumi, causando il minor ingombro di magazzino possibile? Esistono dei sistemi che ti permettono tutto questo.

 

In bagno, per esempio, se già usi gli asciugamani di carta, verifica subito se sono piegati a forma di “C”. Se si, cambiali immediatamente e fatti dare dal tuo fornitore gli asciugamani intercalati a V o a Z! Solo questo cambio ti permetterà un risparmio del 15/20% sui consumi. Se poi hai anche il problema che i clienti te lo buttano nello scarico del WC allora devi assolutamente chiedere i “NO CLOG” degli asciugamani che non hanno il trattamento anti-spappolo che invece hanno gli altri e quindi si sciolgono in acqua e non ti causano intasamenti al WC. Eviterai così gli intasamenti e le fastidiose, puzzolenti, spese di spurgo…

 

Te li consiglio vivamente se hai questo problema, non vorrei ti capitasse quello che è capitato a me quando gestivo il mio vecchio ristorante: nel bel mezzo di un sabato sera, ovvero la serata più movimentata della settimana, si sono intasati i bagni, l’acqua usciva da tutte le parti e la puzza aumentava… Non proprio una serata piacevole!

 

A proposito, se i tuoi distributori sono vecchi, obsoleti, sporchi, magari tutti diversi e vuoi cambiare la tua immagine, potrei proporti delle soluzioni a costo 0!! Se invece vuoi cambiare decisamente marcia, allora ti devi dotare di un sistema “Alta Autonomia” con distributore Autocut.

 

Ma, se i tuoi consumi annuali di carta dei bagni superano le 30 scatole, forse è il caso che esamini anche altre soluzioni, che per efficacia sono pari alla carta dei bagni, ma abbattono letteralmente i consumi annuali. Se sei disposto a cambiare sistema, seguendo le mie indicazioni, non solo otterrai un risparmio immediato, ma farai un investimento per il futuro. Il tutto mantenendo la funzionalità del servizio e senza dare un’immagine negativa al cliente. Ovviamente con l’esclusiva garanzia per te “Soddisfatti o rimborsati”… Senza rischiare nulla!!

 

Quindi, ricapitolando, se anche tu hai un ristorante che fa oltre 500 coperti a settimana e vuoi risparmiare sprechi e costi del materiale consumabile che ti ho appena descritto e nello stesso tempo mantenere la tua immagine di professionalità, non esitare a contattarmi.

 

Chiamami o lasciami una mail compilando il form a questo link!!

 

Ora ti saluto e ti invito a non perdere la seconda parte di questo articolo, dove finirò l’argomento “bagno” e parlerò anche delle bobine di carta ai fini della pulizia!

 

Ti auguro una buona giornata,

 

Rudi

 

PS. Per qualche giorno per ottenere una disincrostazione gratuita della lavastoviglie o lavabicchieri, direttamente nel tuo locale… Non perdere questa opportunità!

Share Button

Ancora nessun commento

Che ne pensi?

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *