Ecco cosa posso fare per migliorare la tua attività

by lunedì, novembre 2, 2015

Da alcuni giorni mi chiedo cosa sia utile comunicare ai miei clienti tramite il mio blog.

Qualcuno dei miei clienti più affezionati mi ha anche chiesto se fossi davvero sicuro di continuare a svelare molte delle informazioni acquisite in questi sedici anni di esperienza. La loro preoccupazione è legata alla paura che qualche mio concorrente possa approfittare delle informazioni che io divulgo, rivenderle, e rubarmi parte del pacchetto clienti della zona di Padova.

L’obiettivo di questo blog, però, è quello di essere utile per i clienti, di dare loro un valore aggiunto, e di educare i nuovi potenziali clienti alla mia filosofia di lavoro.

In questi anni, infatti, ho notato come molti dei contatti con attività commerciali che ho mantenuto (anche se non clienti) potrebbero ottenere molto di più, nell’ambito della detergenza.

Come già ribadito, sono consapevole che l’acquisto di detergenti non sia prioritario per un titolare di attività commerciale. Immagino che, anche tu che stai leggendo, abbia cose più importanti da fare che orientare la tua attenzione nel migliorare la detergenza del tuo locale, che nella realtà costituisce un costo puro.

Acquistare il prodotto più economico, in effetti, può sembrare la soluzione ideale ma, come spiegato molte volte, non è proprio così.

Se la pensi così guardi solo una faccia della medaglia, e se guardi solo una faccia della medaglia, perdi delle opportunità importanti: opportunità reali e concrete di risparmio; di eliminazione degli sprechi; di ottimizzazione dei costi sulla detergenza; di un grado di pulizia più elevato; di una soddisfazione maggiore da parte dei tuoi dipendenti; di risparmiare tempo; di avere un professionista al tuo fianco; di valutare l’eccellenza al costo reale di un “sottoscalista”.

Io definisco “sottoscalista” colui che si improvvisa venditore di detergenti acquistando un furgone e un piccolo magazzino, e comprando i prodotti alla ben e meglio; il “sottoscalista” è colui che si arrangia in qualche modo, ma è anche una mentalità. Il mercato è pieno di venditori improvvisati nel settore della detergenza, che non hanno un minimo di formazione e orientamento al cliente.

Questi venditori non vogliono apportare valore alla tua azienda, non vogliono darti valore aggiunto, né farti risparmiare.

A loro non interessa quanto consumi o che problemi hai; né analizzare le procedure; ne farti sapere quanto hai consumato, indicandoti magari una soluzione alternativa.

Il mercato della detergenza è pieno di finti-venditori, e a pagare le conseguenze sono i titolari delle attività che non hanno il tempo per informarsi, ma che sono in buona fede e che devono occuparsi in toto del proprio locale.

Io capisco te, come posso capire coloro che si improvvisano venditori.

 

Questo blog, quindi, non fa per te se:

  • Non ti interessa migliorare la tua situazione sulla detergenza;
  • Non ti interessa avere a che fare con un professionista che è stato anche dalla tua parte, e che quindi conosce perfettamente le problematiche in essere;
  • Non ti interessa avere un sistema che ti consenta di contenere i costi;
  • Non ti interessa eliminare gli sprechi di prodotto;
  • Non ti interessa avere un consulente che analizzi la tua situazione e trovi soluzioni su misura per te;
  • Non ti interessano soluzioni personalizzate sulla tua situazione specifica;
  • Non ti interessa risparmiare da un 15 a un 28% sui costi complessivi della detergenza;
  • Non ti interessa l’affidabilità di una grande azienda;
  • Non ti interessa avere la garanzia che i prodotti rimangano invariati nella qualità;
  • Non ti interessa essere aggiornato sulle ultime novità nella detergenza;
  • Non ti interessa avere gli ultimi ritrovati nell’ambito dell’ecologia e del rispetto dell’ambiente.

 

 

Per tutti gli altri, e sono tanti, il lavoro che possiamo fare assieme è fantastico.

Visto che il mio obiettivo è quello di rendere utile questo strumento, voglio anche lasciarti un’informazione che difficilmente troverai altrove.

 

Parliamo di lavastoviglie.

 

Come sai, la lavastoviglie lavora in 2 fasi: la fase di lavaggio e la fase di risciacquo.

La fase più delicata è quella del risciacquo, perché da essa dipende buona parte del risultato finale di pulizia e asciugatura di piatti e bicchieri.

Capita, a volte, che il risultato finale sia scadente: bicchieri sporchi o striati; piatti opachi, …

E molto spesso questo è dovuto a un risciacquo insufficiente.

E a cosa è dovuto un risciacquo insufficiente?

Uno dei fattori di risciacquo insufficiente è il filtrino dell’elettrovalvola sporco.

È sufficiente, infatti, pulire il filtrino con un’operazione semplice e gratuita: risciacquo e risultato finale cambieranno.

Quindi, prima di chiamare un tecnico della lavastoviglie, verifica questo particolare e potrai risparmiare i soldi del tecnico; risolvere immediatamente il problema e ottenere ottimi risultati.

 

Se vuoi conoscere altri trucchi per una lavastoviglie perfetta, inserisci il tuo nome e la tua mail nel form qui a destra per ricevere una consulenza gratuita in merito.

 

Condividi questo articolo con i tuoi colleghi, e lascia un commento in fondo alla pagina.

 

Alla prossima,

 

Rudi

Share Button

Ancora nessun commento

Che ne pensi?

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *